Consapevolezza

CENTRI DI APPRENDIMENTO TRASFORMAZIONALE

di Christine Lines

Cos’è un centro di apprendimento trasformazionale?

Nell’estremo nord della Scozia, vicino al piccolo villaggio di pescatori di Findhorn, si trova la Findhorn Foundation, una comunità spirituale, eco-villaggio e centro di apprendimento olistico fondato oltre 50 anni fa e conosciuto in tutto il mondo semplicemente come ‘Findhorn’.

Sono stati scritti numerosi libri su questa comunità pionieristica, tra cui “Il Giardino di Findhorn” e “La Magica comunità di Findhorn”, oltre alle le autobiografie dei tre fondatori; “Il mio volo verso la libertà e oltre” [ed. Amrita], “In Perfect Timing” e “Memoirs of an Ordinary Mystic” [non disponibili in italiano, NdT].

Chi opera all’interno della Fondazione Findhorn parla di ‘campo di trasformazione’ e mi chiedo che cosa questo possa significare per un laico.

Avendo vissuto e lavorato qui da oltre sei anni, profondamente immersa nella sua cultura e attivamente impegnata nell’organizzazione, ho avuto modo di comprendere che questo è un luogo nel quale si affronta il proprio percorso di crescita personale e spirituale, sostenuti dalla comunità attorno, dove tutti sono impegnati in vari modi per un più consapevole e sostenibile modo di vivere nel mondo.

Insieme come pietre grezze, ruzzoliamo nella natura spesso disordinata della vita di tutti i giorni, strofinandoci talvolta gli uni contro gli altri in conflitto o in dialogo, per servizio o per gioco, in movimento o in meditazione, lucidandoci lentamente l’un l’altro fino a diventare diamanti grezzi in qualche modo un po’ più luminosi di prima.

Non è sempre tutto divertimento e giochi. Non è sempre leggero e facile. La luce illumina il buio e le ombre che potremmo essere riluttanti ad affrontare, le modalità di relazione che abbiamo sviluppato nel corso del viaggio di una vita e che potrebbero semplicemente ostacolare la nostra evoluzione cosciente.

La scelta che tutti affrontiamo è quella di osare di andare là, nei luoghi dentro di noi con i modelli di comportamento, le ferite ancora dolorose e le credenze limitanti, i molti doni che lottiamo per rivendicare e celebrare, che ci rendono in modo univoco ciò che siamo, per riporre la nostra fede nella visione più ampia. Non si tratta solo di noi come individui o come comunità, si tratta del nostro contributo al mondo come Centro di Apprendimento Trasformazionale (TLC).

All’interno della cultura della Fondazione, in particolare all’interno del programma di punta chiamato SETTIMANA DI ESPERIENZA, che è l’introduzione ideale, per i visitatori neofiti, dei ritmi e dei principi della vita comunitaria. Si parla di trasformazione personale e planetaria. L’umile saggio indiano, Mahatma Gandhi, ha condiviso la verità spirituale: ‘Se potessimo cambiare noi stessi, anche le tendenze nel mondo cambierebbero.’

Un centro di apprendimento trasformativo ci invita a fare proprio questo e ad aprirci alle possibilità. Potrebbe sembrare spaventoso, eccitante, stimolante o intenso entrare nel campo di trasformazione di un TLC, ma questi sono i luoghi che sono scaturiti in gran parte da un profondo impegno e dedizione per la crescita personale.

La creazione di un clima di sicurezza è uno degli elementi fondanti. Abbiamo bisogno di sentirci al sicuro nella nostra vulnerabilità per lasciar andare le nostre difese che creano un muro verso una connessione più intima. Connessione con noi stessi, con l’altro e con il mondo intorno a noi, con lo spirito e la natura, dentro e fuori. Ogni TLC è guidato da valori e questo è di primaria importanza. L’onestà e integrità, la passione e lo scopo sono intrinseche nelle persone che ispirano maggiormente, nei leader più potenti. Coloro che riconoscono che la vita è un continuo viaggio di apprendimento trasformativo.

Ogni TLC è costruito su una miriade di strumenti, competenze e pratiche e offre una serie di programmi, laboratori, ritiri, conferenze ed eventi tutti progettati per facilitare il percorso di trasformazione. La meditazione, lo yoga, la comunicazione compassionevole, il GIOCO DELLA TRASFORMAZIONE, la sintonizzazione, la richiesta riconoscente, la sociocrazia, la psicologia orientata al processo, il Forum ZEGG, il World Cafe, sono solo alcuni dei tanti strumenti e delle pratiche abbracciati.

All’interno della massima espressione di un TLC tutto il personale e i volontari, in tutti gli ambiti dell’organizzazione, indipendentemente dal ruolo, così come i partecipanti e gli ospiti, si impegnano attivamente nel campo di trasformazione, spesso in modi misteriosi. Non sempre sappiamo a che laboratorio ci siamo iscritti a frequentare. Se siamo in grado di essere aperti al nostro cammino dell’anima, la nostra saggezza interiore guida spesso il cammino.

Quindi potrei prenotare per un programma che si chiama molto chiaramente “Comunicazione Consapevole” e immergermi in sette gi

orni di apprendimento con amici e coetanei. Oppure potrei rimanere incantato da una frase in cui mi sono imbattuto, come “i principi al di sopra della personalità”, e la vita mi presenta l’opportunità di esplorare in modo imprevisto questo tema. Recentemente sono stata coinvolta in un rapporto professionale a lunga distanza che stava diventando sempre più difficile: semplicemente sembrava non riuscissimo a trovare il punto di incontro che fosse di comprensione condivisa. Sei mai stato coinvolto in una lotta simile?

Mi sono rivolta ad un amico e mentore chiedendogli sostegno perché fosse presente in una nostra conversazione e ci aiutasse a capire le problematiche. La conversazione tra me e l’altra parte a volte divenne accalorata e quasi collerica, prima di stabilizzarsi in una posizione più quieta e più centrata per un dialogo costruttivo. In seguito il mio amico e mentore ha condiviso con me: “Ho imparato qualcosa su di te. Non hai paura di parlare della tua verità. “

Sebbene la conversazione non fosse il mio miglior esempio di comunicazione consapevole, ho apprezzato il feedback. Gran parte del mio viaggio Findhorn è stato volto a trovare la mia voce, essere in contatto con la saggezza del mio corpo e i messaggi delle sensazioni fisiche, imparando che c’è una gamma di emozioni che ha un posto valido nella mia vita e che ho pensieri e opinioni di valore, così come una saggezza spirituale sotto forma di quiete interiore o intuizione.

Sentendomi chiamata a Findhorn, il mio TLC, che spesso descrivo come la mia Università dell’Anima, sono infinitamente grata per i continui doni che ricevo mentre divento più consapevole di me e scopro maggiore profondità nel mio essere. Non è sempre confortevole, e ho imparato a stare bene con il disagio, a sedermi nell’ignoto e a diventare più presente momento per momento. La mia pratica preferita di tutti i tempi, ispirata dal mio libro preferito, un classico degli anni ’90 “Il potere dell’adesso” di Eckhart Tolle, mi sostiene nella presenza mentale come modo di vivere.

Findhorn è l’unico Centro di apprendimento Trasformazionale? Sì e no. I principi fondanti – Ascolto interiore, amore in azione e co-creazione con la natura – sono unici a Findhorn e la nostra attenzione è rivolta più all’aspetto spirituale che a quello psicologico, anche se entrambi gli elementi sono presenti. Eppure c’è una rete di centri d’apprendimento trasformazionale in tutto il mondo.

L’ Omega Institute nello stato di New York parla di ‘Risveglio della parte migliore dello spirito umano’. Il Centro Aperto di New York, nel cuore grintoso della città, è forse il più grande centro urbano di apprendimento olistico – mente, corpo, spirito – dedicato a esplorare, adempiere, trasformare. Mind. Transform. Africa, con sede in Kenya, si definisce nel suo stesso nome. The Haven su Gabriela Island, BC, Canada si descrive come un Centro per l’apprendimento trasformativo. Malvone sulla vicina isola di Cortes, BC, come Centro di formazione permanente. La FONDAZIONE FINDHORN è dedicata alla ‘Trasformazione della coscienza nella vita quotidiana’. Questo solo per citarne alcuni e sappiamo che ne esistono molti più di quanti siano a nostra conoscenza, e tutti fanno la differenza per la trasformazione nel mondo, contribuendo alla cultura della connessione, alla consapevolezza di sé, all’attivismo positivo e all’impegno sociale di cui il mondo ha bisogno oggi.

Quali sono alcune delle qualità dimostrate da una comunità TLC?

  • La volontà di dialogo e di rimanere in connessione nei momenti di conflitto, approfondendo la comprensione di sé e dell’altro, con la pazienza di cui c’è bisogno per andare in quei luoghi spigolosi
  • Capacità di auto riflettere e di riconoscere gli schemi comportamentali che potrebbero non essere di aiuto in una situazione
  • Opportunità di apprendimento pratico e radicato in formato esperienziale ed educativo
  • Pratica nel dare e ricevere feedback, riconoscendo che tutti i feedback dati contengono probabilmente almeno un minuscolo granello di verità e ci sono modi in cui esso può essere condiviso con grazia
  • Una cultura d’amore, sperimentata nel sapere quando sostenere e quando sfidare, che dà valore ad un’onesta, sincera e aperta comunicazione
  • Ascolto con cuore aperto e mente aperta, l’ascolto semplice, senza giudizio, critica, domande o interruzioni
  • Comprendere che la relazione è importante quanto gli affari, che entrambi hanno bisogno di tempo e che i caldi abbracci sono i benvenuti
  • Il senso dell’umorismo e la capacità di non prendersi troppo sul serio, ricordando che la leggerezza e la presenza possono dissolvere molte situazioni
  • Abbracciare l’essenza della Preghiera della Serenità: la serenità di accettare le cose che non possiamo cambiare, il coraggio di cambiare le cose che possiamo cambiare e la saggezza per conoscere la differenza.

Queste sono solo alcune delle mie riflessioni e vi invito a condividere le vostre.

[Tradotto da Silvia Piccoli e Isabella Popani con il permesso dell’autrice]

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.